Come funziona tripconnect

TripconnectCome funziona tripconnect? Vale la pena attivarlo?

Ecco il mio punto di vista sulla nuova applicazione di tripadvisor

A 5 mesi dal lancio ufficiale della nuova funzionalità di tripadvisor presentata al TTG di Rimini, mi trovo sempre più spesso a rispondere a clienti che mi chiedono un parere in proposito.

Prima di condividere il mio punto di vista però, credo sia il caso di chiarire bene di cosa stiamo parlando e come funziona il sistema dal punto di vista tecnico e commerciale.

Tecnicamente il processo è abbastanza semplice: tripadvisor si interfaccia con le principali aziende che distribuiscono booking engine per gli hotel. In questo modo il visitatore vedrà, sulla pagina di tripadvisor dell’hotel che sta consultando, le tariffe che l’albergatore ha pubblicato sul sito ufficiale a confronto con quelle delle varie OTA.

tripconnect comparazione

Questo dovrebbe permettere agli albergatori di competere alla pari con le principali OTA per sfruttare la visibilità e incrementare le prenotazioni dirette..

E’ ovvio che la promessa fa gola a molti. Come ti ho spiegato nell’ultimo articolo, di questi tempi il tema della disintermediazione è molto sentito e tripconnect coglie la palla al balzo proponendosi come soluzione al problema.

Quanto costa la soluzione?

Veniamo ora all’aspetto commerciale della vicenda. Per poter collegare il booking engine alla propria pagina su tripadvisor, l’albergatore deve acquistare “il profilo aziendale” che fino a qualche mese fa permetteva soltanto di pubblicare i recapiti diretti  (mail, telefono e sito uficiale..)

Considera che in seguito al lancio di tripconnect i prezzi di listino dei profili aziendali sono cresciuti in virtù del nuova possibilità offerta gli hotel (per darti un idea per un  50 camere stagionale a Riccione il prezzo di listino è circa 5.000 € l’anno)

Ora sia ben chiaro che, se parliamo di business, non valuto mai un investimento in base al prezzo. L’unico (o almeno il più importante) parametro che devi considerare è il ROI e cioè il ritorno sull’investimento.

In questo caso la domanda sarebbe: se spendo 5.000 € l’anno per tripconnect quante prenotazioni dirette in più posso aspettarmi realisticamente?

Non è finita qui però: oltre ad acquistare il profilo aziendale l’albergatore dovrà attivare una campagna di pay per click con un budget (esattamente come si fa su google)  che verrà scalato ogni volta che un visitatore di tripadvisor cliccherà sul link del booking engine dell’hotel (si parla di un una cifra che va da 0,10 € a 1 € per click..)

Ovviamente il link al sito ufficiale dell’hotel sarà più in alto o più in basso rispetto ai link delle OTA in base al valore dell’ offerta fatta per il singolo click (di nuovo, esattamente come avviene su google)

Mi conviene attivare tripconnect? Condividi il Tweet

Ora che abbiamo chiarito il funzionamento veniamo alla domanda che mi fanno i miei clienti e che probabilmente ti starai facendo anche tu.

Come ti ho detto, il parametro più importante che devi valutare per decidere se fare o meno un investimento è il ROI e onestamente ad oggi non ho dati sufficienti per risponderti con i numeri e darti una certezza assoluta (ho solo 3 clienti che l’hanno attivato ad inizio anno)

Certo, potrei consigliarti di provare (come fa qualche mio concorrente) sottolineando che l’azienda per cui lavoro è nell’elenco dei partner certificati. Ma come ormai avrai capito non è mia abitudine dare consigli “alla leggera” e non ti suggerisco di provare una cosa di cui io per primo non sono convinto.

Cosa penso di tripconnect

Pur essendo molto criticato dagli addetti ai lavori, tripadvisor ha un brand fortissimo che ha stampato a fuoco un’idea nella testa delle persone:

tripadvisor = recensioni

Le centinaia di migliaia di utenti che visitano il sito ogni giorno sono alla ricerca di giudizi sugli hotel che confrontano in base ai loro interessi e necessità.

E’ importante specificare che questa fase di ricerca avviene prima e spesso in un momento diverso rispetto alla prenotazione.  Vediamo come:

  • Digito “hotel + nome città” su google
  • Atterro sul sito di una delle OTA
  • Controllo i prezzi e i giudizi degli hotel che mi interessano
  • Vado su tripadvisor a cercare e altri giudizi
  • Ne parlo con amici moglie e/o fidanzata
  • Cerco il sito ufficiale dell’hotel che ho scelto
  • Prenoto direttamente o torno sulla mia OTA di fiducia a prenotare

A parte i clienti business che viaggiano soli e non devono coinvolgere altre persone nella decisione, ti assicuro che questo è quello che avviene al 90% dei casi.

Ora la mia considerazione: tolto il 10% dei clienti che sono pronti a prenotare subito dopo aver letto le recensioni, chi tornerà su tripadvisor per prenotare, una volta scelto l’hotel??

Vuoi la mia? Nessuno. E sai perché? Perché nella testa delle persone c’è questo:

tripadvisor = recensioni

booking.com/expedia = prenotazioni

Nella prima fase, quando il visitatore sta cercando giudizi, è possibile che clicchi sul link del booking engine per controllare i prezzi, ma in quel momento in realtà non è ancora pronto per prenotare.

Il rischio che si corre è quello di attrarre nuovo traffico a pagamento (per ogni click) che non si concretizzerà in prenotazioni dirette se non supportato da un efficace strategia di disintermediazione.

Questo perché, una volta fatta la scelta, il cliente tornerà su google a digitare il nome dell’hotel esattamente come faceva prima di tripconnect e a quel punto inzierà  la solita battaglia tra le OTA e il sito ufficiale, che dovrai combattere con tutte le armi che ti ho suggerito per disintermediare.

Per dovere di cronaca devo aggiungere che attivando il profilo aziendale è anche possibile pubblicare un offerta esclusiva (magari con  un benefit) specificando che vale solo per chi prenota da tripdavisor.

Tripadvisor - offerta

Ora ti chiedo:  ha senso investire sul profilo aziendale, sul pay per click e su un benefit esclusivo da destinare ai chi prenota su un sito di terzi? Gli albergatori avranno imparato ad evitare gli errori che hanno fatto in passato dando troppo potere alle OTA?

Se ti è piaciuto l’articolo di oggi clicca su mi piace e condividi, se cerchi un booking engine professionale e vuoi che ti consigli come sfruttarlo per disintermediare clicca qui per ricevere un preventivo.

 

Nato a Rimini da una famiglia di albergatori, sono appassionato di sport, viaggi e tutto ciò che riguarda il marketing. Aiuto gli hotel ad ottimizzare l’organizzazione e incrementare il fatturato attraverso il software gestionale. Negli anni ho seguito personalmente lo sviluppo di oltre 200 hotel in Italia e all’estero

VUOI OTTENERE IL MASSIMO DAL TUO HOTEL?

Scarica ORA le risorse GRATUITE!

Inserisci un tuo indirizzo valido e scoprirai nelle prossime puntate:

  • Come gestire i prezzi delle camere
  • Quali software ti servono per vendere di più
  • Perchè Instagram è uno strumento perfetto per il marketing del tuo hotel

VUOI OTTENERE IL MASSIMO DAL TUO HOTEL?

Scarica ORA le risorse GRATUITE!

Inserisci un tuo indirizzo valido e scoprirai nelle prossime puntate:

  • Come gestire i prezzi delle camere
  • Quali software ti servono per vendere di più
  • Perchè Instagram è uno strumento perfetto per il marketing del tuo hotel