Come evitare le recensioni negative a fine stagione (imitando Valentino Rossi)

Come evitare recensioni negative

Ci siamo: manca solo un mese alla fine della stagione..

Evita gli errori, taglia il traguardo impennando e prenditi la pole position!

Non so se anche tu come me sei appassionato di motociclismo, ma la storia che voglio raccontarti oggi contiene una lezione che va oltre al mondo delle corse, oltre allo sport e può essere molto utile anche per il tuo hotel..

Oggi parliamo di uno dei più grandi campioni di tutti i tempi che, a prescindere dal tifo, è un vero esempio di mentalità vincente, capace di rimanere al vertice per 20 anni in un sport ultracompetitivo come il motociclismo.

Signore signori l’ospite di oggi è il dottor.. Valentino Rossi.

Non bastassero i 9 titoli mondiali (..) e le 112 vittorie in carriera che lo rendono uno dei piloti più vincenti di sempre, a 36 anni continua imperterrito a scrivere sull’asfalto nuove pagine della storia.

Ma cosa c’entra tutto questo con il mio hotel?

Come? Dopo 2 anni di blog ancora non ti fidi? Ho mai scritto un articolo dove non si parla di hotel? Ecco: allora monta in sella e tieniti forte che abbiamo una gara da vincere..

Meglio una notte oggi o una settimana domani?

Clienti diretti Vs booking.com

Clienti diretti vs booking, soggiorni lunghi vs “turista stop and go”

Ecco come cambia la domanda e qual è la (NON) scelta giusta da fare

Premessa: mentre inizio a scrivere questo articolo il calendario dice che siamo al 18/06/2015. Dico inizio perché tra scrittura, revisione e pubblicazione può passare anche un mesetto quindi, probabilmente, mentre stai leggendo la notizia non è più “fresca di giornata”.

La sostanza non cambia, ti basta sapere che per le mie riflessioni di oggi ho preso spunto da una pubblicazione dell’osservatorio di trivago di giugno che analizza i trend dell’estate 2015.

Ma partiamo subito dai fatti e dalla NON notizia:

La romagna ancora una volta mostra i muscoli

Proprio così, se parliamo di vacanze di almeno una settimana, la riviera di rimini la fa da padrona piazzando 2 località tra le prime 3 più richieste d’Italia e 5 nelle prime 24…

Come funzionano i metasearch

Come funzionano i metasearch

Come funzionano i metasearch? Che vantaggi possono darti (se sai usarli)?

Ce lo dice Simone Puorto, uno che su questo (e su altro) ci ha scritto un libro..

Anche stavolta voglio essere onesto. Tenere un blog è veramente un grosso impegno. Oltre alla gestione tecnica del sito, la programmazione del calendario editoriale, la produzione dei contenuti e il marketing,  ci sono anche tutte le normative in termini di privacy che sembrano scritte apposta per essere incomprensibili e indurre a sbagliare anche chi come me è totalmente in buona fede (a proposito, spero che dio me la mandi buona con sti cookies… 🙂 )

D’altro canto, se ho deciso di continuare nonostante tutto, devo ammettere che ci sono alcuni aspetti molto positivi 😉

Una delle cose più fighe in assoluto, almeno per uno come me che vuole sempre essere aggiornato, è che se mi sveglio un giorno con la curiosità di capire meglio un aspetto specifico del settore in cui opero, con la scusa del blog posso contattare un esperto e farmelo spiegare nei dettagli.

In questo modo vinciamo tutti:

  • tu accedi a contenuti di valore completamente gratuiti
  • l’esperto ottiene nuova visibilità e rafforza il proprio personal brand
  • io imparo cose nuove e accresco la mia professionalità

Ma ora veniamo all’argomento di oggi..

Aprire un hotel senza soldi

Aprire un hotel senza soldi

Vuoi aprire un hotel ma non hai soldi per partire?

Leggi la storia di Giuseppe e scopri cosa fare per realizzare il tuo sogno!

Se c’è una cosa che mi da veramente fastidio di quel che vedo e sento in giro per l’Italia in questi ultimi anni, è il clima generale di sfiducia che si è creato.

Sia chiaro, anche io vivo nel mondo reale:  leggo costantemente i dati di produzione degli hotel che seguo e sono perfettamente consapevole che non siamo in epoca di “vacche grasse”.

Ma mentre comprendo e accetto le lamentele degli albergatori con esperienza che si demoralizzano confrontando dati e guadagni di oggi con quelli di 20 anni fa, non trovo nessuna giustificazione nella depressione dei giovani aspiranti albergatori.

Purtroppo mi capita spesso di incontrare ragazzi sulla trentina che hanno già accumulato una certa esperienza, hanno grande passione per gli hotel, ma hanno di fatto già rinunciato al proprio sogno di mettersi in proprio perché “non sono più i tempi”,  perché “oggi senza soldi non vai da nessuna parte o perché “non ci sono più i margini per fare questo lavoro”..

troppi giovani si sono fatti fregare Condividi il Tweet

Il telegiornale parla solo di fallimenti e suicidi, gli imprenditori si lamentano della crisi e i genitori a casa indicano l’apertura di una società come la via più breve per la bancarotta.

Se anche tu ti trovi nella stessa situazione, ti do subito tre antidoti al volo per non fare la stessa fine..

Se fossi il tuo copywriter..

Copywriting per hotel

Perchè le prenotazioni NON ARRIVANO quando ne hai piu bisogno?

Scrivi l email perfetta e fai prenotare i clienti quando vuoi tu!!

Qualche settimana fa un mio cliente mi ha risposto ad una mail con una sola parola:  “chiamami!”

Al che ho alzato il telefono con tutto l entusiasmo del mondo, convintissimo che volesse comprare qualcosa (in fondo sono pur sempre un venditore 😀 )

In realtà in questo caso la posta in gioco era molto piu alta: voleva me!

Mi spiego: per fortuna ogni tanto mi capita che qualcuno mi faccia proposte di lavoro più o meno serie e questo non può che farmi piacere..

In altri casi invece le persone “si dimenticano” quello che faccio e vorrebbero assumermi per fare una cosa che magari a loro serve, anche se, questa cosa, non è il mio lavoro.

Nell’occasione la mail che avevo inviato era piaciuta cosi tanto al mio cliente che voleva che scrivessi anche le sue.

In pratica voleva assumermi come copywriter..

Scegli i tuoi clienti

Marketing strategico per hotel

Perché, se vuoi avere successo, il tuo hotel NON deve essere “per tutti”?

Scegli il giusto target, ottieni la fiducia dei tuoi clienti e i loro soldi

Benvenuto! Come dici? Sei di casa sul mio blog? Bentornato allora!

Ho esordito con benvenuto perchè le statistiche mi dicono che 7 visitatori su 10 sono nuovi.. se invece sei uno di quei 3 che mi leggono abitualmente ti ringrazio per questo 🙂

Ti stai chiedendo perché  ti sto annoiando con questi numeri?

Bene, obiettivo raggiunto. Lo faccio perché oggi ti parlerò dell’importanza di studiare i tuoi clienti e le loro abitudini e voglio dare il buon esempio dimostrandoti che sono il primo a fare la stessa cosa con i miei..

Ora, se stai leggendo questo articolo di sera (le statistiche mi dicono anche questo) e sei li, mezzo svenuto, con gli occhi aperti in 16/9 ti do due possibilità:

  1. lo chiudi, vai a dormire e lo riprendi domani mattina quando sei più sveglio
  2. vai subito a farti un caffè perché l’argomento di oggi, a livello strategico, è uno dei più importanti che abbia mai trattato nella storia del mio blog.

Come hai letto nel titolo, oggi parleremo di target e siccome mi rendo conto che il concetto è totalmente bistrattato dagli albergatori italiani, partirò dal principio: il problema è che anche a definizioni su internet siamo messi malino..

Target è un termine inglese che in italiano alla lettera si traduce con bersaglio ma, nel tempo, la parola ha assunto diverse accezioni a seconda del contesto in cui viene usata.

Le definizioni di wikipedia fanno tutte più o meno schifo quindi ho preso quella che si avvicina di più e l’ho adattata per passare il messaggio nel modo più chiaro possibile..

Welcome to my life!

Gian Marco MontanariDopo due anni di blog ho deciso di raccontarti qualcosa in più su di me:

Le mia vita, le mie passioni, il mio lavoro e i miei progetti..

Forse le poche righe della pagina “Gian Marco Montanari non bastano più.  O almeno questo è quello che mi dicono da un anno i miei amici “quelli bravi” che si intendono di internet marketing.

“Raccontarsi è fondamentale se vuoi un vero rapporto con i lettori”

Per intenderci, da quando ho inaugurato hotel training blog nel 2013, ho conosciuto gente che con i blog guadagna cifre a 5 zeri l’anno.. quindi se mi danno un consiglio loro, forse è meglio che lo ascolti 🙂

Perchè ci ho messo così tanto per decidermi?

Primo sicuramente perché sono un testone.

Secondo perché sono un tipo tendenzialmente riservato, anche se mi rendo conto che essere riservato è il colmo per uno che si è fatto il blog.

Comunque il motivo principale è un’altro: ultimamente i lettori crescono, sempre più persone si iscrivono alla mia newsletter e mi aggiungono su fb..

Che fine fanno le tue email?

Newsletter efficaci per hotelPerché i clienti non rispondono alle tue offerte? 

Scopri come evitare i filtri anti-spam e trasforma le tue e-mail in armi letali

Mentre scrivo questo articolo mancano esattamente 23 giorni alla pasqua e, anche se il clima non lo dimostra, ci avviciniamo a grandi passi a quella che possiamo considerare l’inaugurazione della stagione estiva.

In questa fase sale l’adrenalina degli albergatori che si preparano ai nastri di partenza come gli sprinter prima della gara dei 100 metri..

Ci sono da fare i classici lavori di manutenzione, le pulizie, c’è da scegliere gli ultimi elementi dello staff da inserire in squadra e c’è da litigare con i fornitori per mandare le ri.ba più avanti possibile.. tutte cose necessarie ma che vengono dopo.. la vera priorità.

Vediamo se hai studiato: l’obiettivo n1 di un albergatore professionista è..?

vendere più camere possibili al prezzo più alto possibile. Condividi il Tweet

Ora, se mi segui da un po’ sai già che questa è la mia visione ed è quello che insegno ai miei clienti/lettori, se invece è la prima volta che mi leggi e non sei d’accordo mi dispiace, ti rispetto, ma ti invito a trasferirti su uno dei  tanti blog “filosofici” di cui è pieno il nostro settore..

Fregatene di Amazon Travel

Amazon travel

A giorni il leader mondiale dell’e-commerce lancerà un nuovo sito per hotel

Ripassa la storia del marketing e scopri perchè booking resterà il N1

Eccoci qua.. Stavolta mi tocca parlare di attualità.. Dico “mi tocca” perché normalmente preferisco occuparmi delle mie cose ma dato che questa volta la novità riguarda da vicino il mondo in cui lavoro,  ho deciso di dire anche io la mia.

Lo faccio sia per tranquillizzare gli ansiosi che si stanno facendo prendere dal panico (sperando così di ricevere qualche chiamata in meno e salvare la batteria del mio povero iphone), sia perché in giro sento ragionamenti senza logica e quindi, come dicono gli americani, “I’ll give you my two cents”.

Per farlo come d’abitudine, mi aiuto con un paio di esempi.. Anzi no, facciamo così, facciamo proprio un gioco. Ne approfitto dato che sono in aeroporto e il mio volo è in ritardo di due ore così forse riesco a rimanere sveglio.. si, perché per fortuna/purtroppo ho il talento innato di dormire ovunque e non sarebbe la prima volta che dico “mi appoggio due minuti” e finisce che perdo l’aereo..

Ma veniamo ai fatti: da mesi ormai è partito il tam-tam mediatico che annuncia l’uscita a marzo del nuovo Amazon travel.

In pratica Amazon, il più grande sito di e-commerce del mondo, ha deciso di fare quello che tecnicamente si chiama “estensione di linea” e permettere agli utenti anche di prenotare hotel attraverso il proprio sito..

Il talento del revenue manager

Il talento del revenue managerEhi.. vuoi scoprire il segreto per diventare il Michael Jordan delle tariffe?

Ecco quello che i revenue manager (scarsi) non vogliono farti sapere

Mancano 5 secondi alla fine e i Bulls sono sotto di due.. Jordan riceve palla sulla linea dei 3 punti, prende la mira e…YEEEES!!  I CHICAGO VINCONO LA PARTITA!!!

Hai presente il momento di gloria quando il campione viene travolto dall’abbraccio dei compagni, dall’entusiasmo del pubblico e dai flash dei fotografi??

Ecco, quel momento è il VERO grande INGANNO.

Si perché in quel momento tu che sei a casa sul divano pensi.. wow, che fenomeno.. pensa che figata se anche io potessi avere quel talento.. poi ti ricordi  le ultime 10 volte che hai tirato a canestro, in porta o dove ti pare secondo lo sport che fai.. e ti convinci che madre natura non ti ha dato chance.

A quel punto, abbandonati i sogni di gloria, cambi canale e inciampi nel solito telegiornale con il solito menù: crisi, tasse assurde e politici indegni. Bentornato alla realtà.

Se pensi che sono impazzito hai (quasi) ragione, ma prima di togliere il mio blog dai preferiti, lascia che ti spieghi come tutto questo si ricollega al nostro mondo, cioè quello degli hotel..