Hotel business plan

Cerchi finanziamenti per aprire un nuovo hotel?

Prepara OGGI la mappa per raggiungere il tuo sogno

Finalmente, dopo anni di lavoro e speranze hai deciso di realizzare il sogno di aprire il tuo hotel. Hai esperienza, passione e sei convinto che riuscirai ad offrire un servizio eccellente ai tuoi clienti.  Puoi  immaginare  l’atmosfera, gli arredamenti, hai pensato perfino al colore delle lenzuola..

Certo, so anche io come vanno a finire molte di queste storie.. “ti servirebbero fondi ma le banche han chiuso i rubinetti e prestano soldi solo a chi li ha”; Se sapessi quante richieste di preventivo ho ricevuto in questi anni da nuove società che non hanno mai aperto, capiresti che non è solo per aiutare il prossimo che scrivo questo articolo..

Quello che voglio fare oggi è raccontarti un altro pezzo della storia che molti non conoscono, dimenticano o fingono di dimenticare.  Perché è vero che “le banche han chiuso i rubinetti e prestano soldi a chi li ha” ma, a onor del vero,

Li prestano anche a chi dimostra di poterli restituire.

Proprio così, le banche comprano e vendono soldi e come tutte le aziende hanno bisogno di clienti quindi, se pensano di poter rientrare di un prestito hanno tutto l’interesse a concederlo per guadagnare gli interessi.

Certo non  basta presentarsi allo sportello e dire “sono onesto, volenteroso e ho sempre lavorato nel settore”. A dire la verità tutto questo è completamente inutile per l’esito della richiesta.

C’è però qualcosa di concreto che puoi fare subito per dimostrare di avere le giuste basi imprenditoriali, ottenere  credibilità e con essa i soldi che ti servono..

Non cambierai mai

Il tuo gestionale è obsoleto, limitato e inadeguato

Ti do 5 buoni motivi per (NON) cambiare

La verità è molto semplice e questa volta te la dico subito, senza giri di parole: la mente umana ODIA il cambiamento.

Per questo la maggior parte di noi fa colazione al solito bar, cerca sempre lo stesso posto sull’autobus, nello spogliatoio in palestra e acquista sempre auto della stessa marca.  E’ un istinto che deriva dal nostro bisogno di sicurezza.

L’insieme di tutti gli elementi che rappresentano la nostra zona di sicurezza delineano quello stato mentale che gli esperti chiamano

“zona di confort”

Ognuno di noi, più o meno consapevolmente, costruisce nel tempo la propria zona di confort facendo una selezione di persone, luoghi e abitudini che ci fanno sentire a nostro agio…

TUTTI vogliono farti il revenue

 Consulenti, OTA, software house e web agency vogliono gestire i tuoi prezzi

Ecco perchè DEVI saperne più di loro

E’ la moda del momento. Adesso che anche i sassi sanno che se un hotel non vende on-line è destinato a chiudere, la strategia commerciale dei fornitori di servizi consulenziali-tecnologici-commerciali punta forte sulla massimizzazione dei ricavi e quindi sulla gestione delle tariffe.

E’ veramente cosa buona e giusta?

Non sempre. Per fortuna, sul mercato italiano dell’ospitalità esistono fior di professionisti che hanno importato dall’estero le più avanzate tecniche di revenue management e con la loro esperienza possono veramente fare la differenza per gli albergatori che li seguono.

Il problema è che la gestione dei prezzi è una sofferenza talmente esplicita che l’offerta di questi servizi è aumentata in maniera spropositata negli ultimi anni e decine di aziende di diversa natura hanno messo il “revenue management” sul listino senza avere le credenziali per gestire la materia.

Il gestionale perfetto

Gestionale perfetto

Devi cambiare gestionale ma hai paura di passare “dalla padella alla brace”?

Scopri le 6 caratteristiche più APPREZZATE DAGLI ALBERGATORI

Nel panorama delle aziende italiane che distribuiscono software gestionali per l’hotel, ogni anno trovano spazio nuovi software, ognuno dei quali presenta una serie di funzionalità sempre più avanzate.

Normalmente la concorrenza sarebbe una cosa positiva ma quando si affronta una materia così tecnica il rischio è che la sfida scenda troppo nei dettagli perdendo di vista gli obiettivi principali:

invece di aiutarti a decidere non fanno altro che confonderti le idee

Raramente un albergatore acquista o cambia gestionale perché affascinato della dalla singola funzione e, se questo accade, nella maggior parte dei casi si rivela un’idea sbagliata.

Nell’articolo di oggi voglio aiutarti a mettere un po’ di ordine e spostare il focus sulle caratteristiche che ho scoperto essere maggiormente apprezzate dai miei clienti, che ti suggerisco di valutare attentamente quando sceglierai il tuo prossimo gestionale..

Ok il prezzo è giusto

Quanto è importante la gestione delle tariffe per vendere on-line?

    Ti racconto la storia di Andrea, albergatore di Villamarina

Nell’articolo di oggi ho deciso di condividere un esperienza recente per arricchire con riferimenti precisi quanto già spiegato sull’importanza delle tariffe per vendere on-line.

E’ il caso dell’hotel Stella Maris, un 3 stelle di Villamarina di Cesenatico a conduzione familiare che da è tempo mio cliente per software gestionale, booking engine e channel manager.

Andrea Borioni, proprietario e gestore è un giovane romagnolo molto creativo che investe costantemente nella struttura: il risultato è un hotel dal design originale e colorato, nel quale si respira una piacevole atmosfera di vacanza al mare. Durante le mie visite mi è capitato diverse volte di assistere a complimenti e ringraziamenti di clienti soddisfatti del soggiorno.

Nonostante ciò, all’inizio di giugno, Andrea mi ha manifestato una certa preoccupazione per l’andamento delle prenotazioni per la stagione 2013..

5 cose che DEVI fare SUBITO per salvare il tuo hotel

Gli anni 90 son lontani, c’è la crisi, piove e il tuo albergo è mezzo vuoto.

Ma tu sei sicuro di non aver nessuna colpa?

Negli ultimi 5 anni il mercato è profondamente cambiato. La crisi ha creato una spaccatura enorme che si fa sempre più netta: da una parte la generazione di albergatori che ha saputo sfruttare le nuove tecnologie per cogliere le opportunità del mercato on-line, dall’altra gli albergatori vecchia maniera che vedono i propri margini ridursi drammaticamente come mai era capitato prima.

Ti dico questo perché, ogni settimana, visitando gli hotel, incontro albergatori che sembrano veramente essersi rassegnati al declino. E’ triste da dire ma è  così.

Il contesto difficile, il confronto con anni passati quando gli affari andavano meglio e il mestiere era più facile, hanno scoraggiato molti addetti ai lavori che si sono convinti che non ci sia modo di cambiare le cose.

e tu ?  Da che parte vuoi stare?

Considerando che il sistema economico, il governo, la tassazione e il meteo sono cose che un singolo imprenditore non può controllare, credo che sia molto più importante e produttivo impegnarsi per migliorare la propria realtà..

Arriva booking genius

Quali vantaggi porta il nuovo programma di booking.com?

Cosa potrebbe fare di diverso il leader di mercato?

Da qualche settimana booking.com ha iniziato a promuovere con una newsletter il programma definito dall’azienda “un nuovo modo per renderti più visibile ai nostri migliori clienti”.

L’idea è semplice: l’hotel offre una tariffa scontata (al 10%)  che sarà visibile solo ai migliori clienti del portale, “quelli che prenotano più del doppio rispetto agli altri”.

I vantaggi dichiarati per l’hotel, ben evidenziati nel modulo di presentazione, sono 4: maggiore visibilità, maggiore pubblicità, alta conversione e compatibilità XML.

Ma come funziona booking genius?

Social media & Wi-Fi

Oggi i social media sono il miglior canale per comunicare con i clienti

Come puoi sfruttare il wi-fi per trasformare i clienti in fan?

E’ ormai unanimemente riconosciuta l’importanza dei social network per le imprese turistiche nei processi di acquisizione e fidelizzazione del cliente. Avere una pagina su facebook aumenta la visibilità, valorizza il brand e permette di comunicare in maniera diretta e costante con i propri clienti.

Ovviamente è fondamentale gestire la pagina in maniera professionale, pubblicando tutti i contatti e il riferimento al sito ufficiale in modo da renderla immediatamente credibile ad una prima visita. Ma non basta.

Una volta preparata la vetrina bisogna poi concentrarsi sui contenuti che si andranno a pubblicare. La forza di facebook sta proprio nella continuità con cui gli utenti si collegano al sito e questo avviene prevalentemente per ragioni ricreative.  Per intenderci la pagina fb di un hotel non deve essere un “copia e incolla” del sito ufficiale.

Nessuno mette il like per sapere di quanti metri quadrati è la camera 

Se lo ha fatto per avere queste informazioni, una volta rientrato dal viaggio, probabilmente non avrà più motivi per seguire l’hotel.

Il fan è  qualcuno che spontaneamente ha deciso di seguire l’hotel proprio perché è curioso di trovare notizie “informali”, per rivivere il ricordo dell’esperienza e rimanere collegato ad un luogo che gli è rimasto nel cuore..

In quest’ottica la pagina deve essere una sorta di backstage dove condividere storie “dietro le quinte”: parlare dello staff, raccontare episodi piacevoli e divertenti che accadono quotidianamente e arricchire l’esperienza con informazioni relative a spunti d’interesse non strettamente inerenti alla struttura come ad esempio feste, eventi e curiosità legate al territorio..

Il sito ideale

Il mercato mondiale delle prenotazioni on-line cresce ad altissima velocità.

Cosa ti serve per cavalcare l’onda? 

Se c’è una cosa che ho imparato del mondo del lavoro è l’importanza della specializzazione. Per questo motivo ogni volta che mi sposto dalla mia area di competenza preferisco rivolgermi un professionista specializzato in ciò che interessa me e i miei clienti.

Dopo 7 anni in una software house, conosco in maniera approfondita esigenze e soluzioni legate alla gestione tecnologica dell’azienda hotel ma, la velocità con cui il mercato cambia, genera costantemente nuovi bisogni e nuove aspettative.  Oggi l’obiettivo è quello di offrire al cliente, non solo un sistema in grado di automatizzare le procedure, ma un tool kit completo per incrementare la redditività : 

lo strumento più efficace per vendere è il booking engine.

I risultati sono concreti e misurabili: l’hotel si apre ad un nuovo target, aumentano i contatti, crescono le prenotazioni e inizia il processo di disintermediazione. Il 90% dei clienti che seguo in questo percorso raggiunge già nei primi 6 mesi gli obiettivi. Analizzando i rari casi in cui questo non avviene ho scoperto che spesso la causa è legata al sito:

neanche Il miglior booking engine genera prenotazioni su un sito inefficace Condividi il Tweet

Per capire meglio come intervenire per sviluppare e potenziare il sito di un hotel, nell’articolo di oggi ho intervistato uno dei maggiori esperti del settore in Italia: risponde per noi Riccardo Schiappa, responsabile commerciale di Network Service, web agency specializzata nel mercato turistico..

“Il revenue management alberghiero” – Franco Grasso

Il libro  che ogni albergatore dovrebbe avere

Andiamo subito al punto. Se sei un proprietario d’albergo, un manager, un revenue manager o semplicemente un impiegato che vede il suo futuro nell’industria alberghiera, non puoi perderti questo libro.

Uscito nel 2006 “il revenue management alberghiero”  è una vera pietra miliare.

Scritto dal professor Franco Grasso, coloui che ha letteralmente inventato il revenue management in Italia, il libro affronta argomenti tecnici con una semplicità tale che lo rende la scelta perfetta anche per chi affronta per la prima volta la materia.

Leggendo il libro capirai in pochi giorni:

  • cos’è il revenue management
  • quali costi considerare quando elabori il prezzo di vendita (e quali non considerare)
  • qual’è il tuo mercato di riferimento
  • quali dati storici considerare quando elabori il prezzo di vendita
  • quando alzare i prezzi e perchè

AGGIUNGI AL CARRELLO

Perchè te lo consiglio?

Dopo aver frequentato il mio primo corso di revenue nel 2008, avevo molte nuove idee su cui ragionare e un pò di confusione.

Passare da una gestione “vecchia scuola” con il listino statico legato alla stagionalità, a una gestione revenue con tariffa dinamica è un bel cambiamento, soprattutto a livello mentale.

Leggendo questo libro sono riuscito a capire velocemente cosa fare e in pochi giorni sono passato all’azione.

Dopo aver raccolto i dati e analizzato i parametri suggeriti nel libro ho elaborato i nuovi prezzi e li ho subito messi on-line.

Dalla teoria alla pratica!

Ho iniziato a vendere camere in periodi che prima consideravo “morti” aumentando l’occupazione in poche settimane.

Inoltre, il libro mi ha dato nuova consapevolezza insegnandomi il coraggio di aspettare a vendere le camere nei periodi super richiesti per massimizzare la vendita.

Risultato?

Camere vendute ad un prezzo medio più alto del 25% già nel primo anno!!

Se anche tu stai cercando nuove strategie per guadagnare di più con il tuo hotel questo è il libro che fa per te.

Se invece sei alla prima esperienza in hotel, leggi questo libro per acquisire le competenze che ti renderanno un candidato ideale e un dipendente praticamente illicenziabile per qualsiasi albergatore.

“Il revenue management alberghiero”– Franco Grasso

AGGIUNGI AL CARRELLO